I cookie ci aiutano a offrire servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Programma del mese di Marzo 2019

Giovedì 7 marzo 2019 - Ore 20.30 - Conviviale per soci ed ospiti

Luogo: Terrazza Miravalle - Piazza del Castello 3, San Miniato

Tema della serata: PROMOVA - Un progetto per i bambini autistici moldavi

Relatori: Bruno Sales, Alessandro Signorini, Leonardo Granchi, Arianna Bello, Benedetta Bagni

Gli ospiti membri del Team Promova saranno:

  • Bruno Sales (nostro socio): Ci parlerà del suo lavoro quale Direttore U.O.C. Neuropsichiatria Infantile presso Azienda USL Toscana Centro e coordinatore del progetto Promova.
  • Alessandro Signorini: Console onorario della Repubblica di Moldova per la Toscana
  • Leonardo Granchi: Psicologo, Coordinatore del Centro 'La Casa di Ventignano'
  • Arianna Bello: Neuropsicomotricista
  • Benedetta Bagni: Vicepresidente dell'Associazione 'Fiori di Vetro'

Il progetto:

La Repubblica di Moldova, fino al 1991 parte dell'Unione Sovietica, è un paese dell’est europeo, al confine con l’Ucraina. L’estensione territoriale è di poco più grande di quella della Toscana. Un tempo ‘vigneto dell’URSS’, oggi la Moldova risulta al 20° posto tra i maggiori produttori mondiali di vino, tanto da essere divenuta negli ultimi anni meta di turismo eno-gastronomico.

Il PIL pro capite del paese, tuttavia, resta tra i più bassi d’Europa. A seguito della dissoluzione dell’URSS anche la Moldova, come altri paesi facenti parte dell’ex blocco sovietico, ha vissuto un periodo di grave depressione economica, unito alla perdita delle reti statali di protezione in ambito sociale e sanitario.

Circa un quarto della popolazione, costituita dalle fasce meno abbienti che non sono in grado di versare i contributi allo stato, resta priva di copertura sanitaria pubblica. La salute mentale infantile, in particolare per quanto riguarda le condizioni più gravi come l'autismo, risente della mancanza di una rete di specialisti dedicati e di un 'regista' del percorso di diagnosi e di trattamento, come il neuropsichiatra infantile in Italia.

Per questo, su richiesta dell'associazione moldava SOS Autism e tramite il supporto dell’Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia, Dott.ssa Stela Stingaci, e del Console onorario per la Toscana, Dott. Alessandro Signorini, nel luglio 2018 un team italiano di esperti del nostro territorio ha ideato il progetto PROMOVA (Programma Moldova Versus Autismo), con lo scopo di implementare nel paese i modelli di trattamento riabilitativo più aggiornati e di favorire l'inclusione scolastica per i bambini con disturbo dello spettro autistico.

Il Team si è già recato in più occasioni presso la capitale moldava, Chisinau, dove sono state svolte una serie di attività di formazione per famiglie e operatori, di supervisione di casi e di progettazione di interventi specifici per i bambini con autismo. I risultati sono stati fino ad ora molto incoraggianti.

Sebbene alcune istanze di chiusura e isolamento proprie dell'attuale fase storica stiano mettendo a dura prova i valori legati alla solidarietà, quest'ultima mantiene ancora solide radici nel nostro territorio. Il progetto PROMOVA ne è la dimostrazione.

Giovedì 21 marzo 2019 - Ore 20.30 - Conviviale per soci ed ospiti

Luogo: Terrazza Miravalle - Piazza del Castello 3, San Miniato

Tema della serata: “OLTRE L’ARMADIO DELLA VERGOGNA”: Processi, giustizia, verità storica sui crimini nazifascisti in Italia con la narrazione dei fatti occorsi nel Duomo di San Miniato e nel Padule di Fucecchio

Relatore: Dott. Marco De Paolis - Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare d'Appello di Roma.

E' considerato uno dei maggiori esperti in materia giuridica di crimini di guerra della seconda guerra mondiale, settore in cui ha maturato una straordinaria conoscenza anche per l'essere stato titolare, negli ultimi dieci anni, come pubblico ministero, delle indagini relative ad oltre 450 procedimenti per eccidi di popolazione civile e di militari italiani commessi in Italia e all'estero dopo l'8 settembre 1943.

Ha istruito e portato a dibattimento 18 processi, dal 2003 al 2012, per le più gravi stragi nazi-fasciste compiute in Italia durante la seconda guerra mondiale, fra cui: "Marzabotto-Monte Sole (Bologna)", "Sant'Anna di Stazzema (Lucca)", "San Terenzo e Vinca (Massa)", "Civitella in Val di Chiana, Arezzo, "Vallucciole, Stia e Monchio", "Padule di Fucecchio (Pistoia)", e da ultimo, anche quella avvenuta a "Cefalonia (Grecia)", ove vennero fucilati centinaia di Ufficiali italiani, in Grecia (Kos, Leros e altre località) nonché in Albania (Sarande, Kuc ed altre) e Francia (Oradour sûr Glane).

Laureato con lode in Giurisprudenza all'Università "La Sapienza" di Roma nel 1983, dal febbraio 1988 è Magistrato Militare.

Ha svolto le funzioni di Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale Militare di La Spezia, di Sostituto Procuratore Militare presso la Procura Militare di Verona, di Sostituto Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare d'Appello di Roma.

Dal 2002 al 2008 ha diretto la Procura Militare di La Spezia e dal 2010 al giugno 2018 la Procura Militare di Roma.

Attualmente è Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare d'Appello di Roma.

Dal 2008 al 2012 ricopre la carica di Presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati Militari.

E' stato docente di Diritto Penale, Procedura Penale e Diritto Penale Militare presso l'Accademia Navale di Livorno e presso la Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Firenze e di Diritto Penale Sovranazionale presso l'Università degli Studi di Milano "Bicocca", collabora con il CASD (Centro Alti Studi della Difesa) e la Croce Rossa Italiana per le materie di Diritto Penale sovranazionale e Diritto Umanitario.

Autore di numerosi saggi e pubblicazioni a carattere scientifico sul tema dei crimini di guerra e nel campo del Diritto penale militare, è stato Consulente per la Camera dei Deputati in occasione della predisposizione del nuovo Codice di Procedura Penale.

E' membro del Comitato Tecnico-Scientifico della "Rassegna dell'Arma dei Carabinieri", socio della Societè Internationale de Droit Militaire et de Droit de la Guerre.

Sito realizzato da Niccolò Banti